Oggi sit in al tempio di Apollo contro la crudeltà sugli animali

Siracusa – Ancora una volta, il Tempio di Apollo, diventa una meta ambita da chi intende
protestare, e sopratutto promuovere, come in questa occasione, i diritti degli
animali. L’appuntamento, infatti, è oggi alla 19, appunto,al tempio. Questa volta, quelli del
“Meetup Fare (Movimento 5 stelle di Siracusa) hanno scelto come forma di
protesta, un Sit-in commemorativo, in favore del corteo “Insieme per Nikita”
organizzato, oggi a Toritto ( Bari).
Ma, facciamo un passo indietro, necessario per spiegare la vicenda: nei primi di luglio, a Toritto, viene ritrovata una
cucciola di pastore tedesco,sanguinante e gravemente ferita. Già da subito il
quadro clinico di Nikita (questo è il nome scelto per lei dai volontari del
locali), appare drammatico, anzi tragico, perché le mancano le zampe
posteriori. Viene, immediatamente soccorsa e portata dalla Lega nazionale della
difesa del cane di Bisceglie, da un veterinario messosi subito a
disposizione, che nel giro di poche ore la sottoporrà ad accurati interventi.
In seguito, i vari professionisti intervenuti, spiegheranno che Nikita era
stata legata, con fili di ferro, a testa in giù, finche’ il peso del suo corpo,
non le ha tranciato gli arti posteriori. Un gesto vile, disumano e folle. Una
crudeltà, dunque che va fermata in tempo e che pone gli stessi animalisti
siracusani dinanzi a scelte drastiche: protestare pacificamente per dar voce
agli animali e chiedere al legislatore di equiparare i crimini subiti dagli
animali, a quelli perpetrati contro gli umani. Contrariamente a quanto alcuni
pensano, gli animali sono esseri senzienti, ovvero capaci di sentire, al pari
degli uomini e delle donne; provano emozioni, gioia, dolore e dunque
percepiscono l’ambiente che li circonda. Tutti i comportamenti violenti, altro
non sono che elementi devianti, ogni atteggiamento crudele rivela sempre una
mancata comunicazione e un approccio con l’altro basato sulla forza. Nikita, e
chi come lei subisce torture, non ha la voce per denunciare il suo torturatore
e sono questi episodi a spingere i volontari mobilitarsi per loro.
Al Sit-in, inoltre, parteciperanno diverse associazioni animaliste e si parlerà anche del
fenomeno randagismo (di cui la nostra redazione più volte si è occupata),
presente, soprattutto, nelle periferie siracusane. Sara’ inoltre disposta una
“scatola delle idee e delle proposte”, nella quale chi vorrà potrà lasciare
la propria opinione in assoluto anonimato. Dunque, i grillini vanno oltre. Mirano a far
diventare i loro concittadini, membri attivi della collettività. Essere impowered,
in fondo, significa fare proposte e suggerire interventi al decisore
politico e, perché no, trovare modelli e metodi alternativi, per valorizzare il
rapporto uomo/donna-animale e animale uomo/donna.

Commenti

commenti

Lascia un Commento