La neuroscienza conferma: “Ascoltare chi si lamenta sempre divora energie vitali”

Ascoltare persone che vedono la vita solo dal punto di vista negativo fa male alla salute mentale, impedisce l’evolversi dei normali processi cognitivi, abbatte il tono dell’umore. Al contrario, il “lamentatore seriale” trova grande giovamento nello scaricare sugli altri il proprio mal di vivere, e, da vampiro energetico, si nutre dell’attenzione del proprio interlocutore, liberandosi, in una sorta di catarsi, di tutte le proprie angosce. Sono concetti che tutti abbiamo, in qualche modo, intuito basandoci sulle esperienze concrete negli sfortunati incontri quotidiani con decine di logorroici vampiri. Ma adesso la scienza, anzi a la neuroscienza conferma tutti, citando ricerche empiriche e metodologiche.

E’ stato, infatti, condotto uno studio da alcuni neuroscienziati, che hanno misurato l’attività cerebrale nelle situazioni un cui una persona si trova a dover affrontare degli stimoli specifici, come ascoltare parenti o amici che si lamentano costantemente. I risultati hanno evidenziato che stare sempre a contatto con persone negative fa sì che i neuroni del cervello si “disconnettano”, non permettendo di essere lucidi e di risolvere efficientemente i problemi.

Commenti

commenti

Lascia un Commento