In mostra a Salina le fotografie di Maurizio Vezzosi

AL MUSEO DELL’EMIGRAZIONE DI MALFA (SALINA) SBARCANO LE FOTOGRAFIE DI MAURIZIO VEZZOLI. IN VETRINA DAL 16 AL 24 AGOSTO LE OPERE DELL’ARTISTA MILANESE.

UNA MOSTRA E UNA CENA EOLIANA PER FINANZIARE LA RISTRUTTURAZIONE DI UNO DEI PIÙ IMPOR TANTI SPAZI CULTURALI DEL MONDO.

Una cena eoliana il 16 agosto in occasione del taglio del nastro e una mostra con gli scatti più importanti dell’artista milanese dal 16 al 24 agosto. Due eventi per lo stesso obiettivo: finanziare la ristrutturazione di uno degli spazi più importanti per la storia delle isole Eolie: il museo dell’emigrazione di Malfa. Uno spazio tenuto in piedi da un gruppo di appassionati e dalla caparbietà del professore Marcello Saija uno dei più eminenti storici della nostra terra che anche quest’anno, il 7 e l’8 settembre, organizzerà la festa degli eoliani nel mondo. In occasione del taglio del nastro della mostra fotografica “ Uno sguardo sulle Eolie” di Maurizio Vezzoli nella Sala del Contemporaneo al Museo dell’emigrazione a Malfa il 16 Agosto alle ore 20 verrà servita una cena eoliana il cui ricavato sarà devoluto al Museo per eseguire restauri necessari al mantenimento della struttura .

Inaugurato nel 1999, il museo eoliano dell’emigrazione ha sede sull’isola di Salina, a Malfa nell’ottocentesco palazzo Marchetti, donato all’associazione culturale Didime 90 da un costruttore americano originario di Salina. Scopo del museo è ricordare l’emigrazione transoceanica degli eoliani che, tra Ottocento e Novecento, lasciarono l’arcipelago per dirigersi soprattutto verso l’Australia, l’Argentina e gli Stati Uniti. Nelle sale del museo, distribuiti in diverse sezioni, numerosi reperti originali: fotografie, giornali d’epoca, oggetti, bagagli, filmati.

Maurizio Vezzoli ha iniziato nel 1977 e, davanti al suo occhio e alla sua macchina fotografica, sono passati un’infinità di oggetti: dai forni di Philips, ai maglioni di Missoni, alla Ferrari di Schumacher senza dimenticare ovviamente il cibo. Nato a Varese nel 1953, ha vissuto in pieno il boom di Milano capitale della creatività e della moda. In questo mondo ha lavorato e viaggiato per quarant’anni, adesso qualcosa sta cambiando. La sua curiosità e sensibilità l’hanno portato sempre più verso progetti fotografici di ricerca e, come dice lui stesso, “ di esplorazione delle forme e della luce“. L’ultimo è “ i Quaderni”, un racconto fotografico in grande formato dove il bianco e nero del mare e delle Isole Eolie si alterna al colore della gastronomia eoliana, scenari impareggiabili e un grande tributo alla bellezza e alla “golosità” di questo arcipelago, setting eccezionale del progetto.

I biglietti per la visita al Museo e per la cena si possono acquistare nella biglietteria del Museo o prenotare al 339 1484630.

Commenti

commenti

Lascia un Commento