Impennata delle tariffe per le strutture, Liddo Schiavo alza la voce in difesa delle società sportive

Siracusa senza pace sul fronte dello sport. Dopo i problemi della piscina comunale, che ha avvelenato primavera ed estate degli atleti, adesso arriva il caro contributo, cioè l’innalzamento dei canoni che le società pagano al Comune per l’utilizzazione. Si tratta di  balzelli triplicati, ed anche di più, che hanno determinato l’apertura di un fronte rivendicativo, in cui il Coni ha il ruolo di testa di ponte delegato alla trattativa. Una mediazione che è già cominciata con l’assessore comunale allo sport, ma che deve ancora estendersi alla giunta.

Su questo punto, vi proponiamo l’intervento di Zlidfo Schiavo, delegato provinciale del Coni:

“Da sempre siamo convinti che lo sport abbia una enorme valenza sociale- spiega il massimo dirigente Coni – riteniamo che ogni gesto sportivo sia sostenuto da un valore culturale, il quale, se riconosciuto, potrebbe dar vita ad un nuovo umanesimo, ad un nuovo senso di cittadinanza condivisa. In questi ultimi tempi le attivita’ sportive non godono di ottima salute. Da un nostro censimento abbiamo rilevato che nella provincia di Siracusa, negli ultimi dieci anni, circa il 40 per cento delle Associazioni Sportive Dilettantistiche ha cessato l’ attivita’. La causa e’ sicuramente da ricercare nella crisi economica che ormai da anni vessa le famiglie, costringendole a tagliare i costi che “ahime’” ritengono superflui, ma anche per il disimpegno di tanti Enti Locali i quali non comprendono che sostenere le attivita’ sportive serve a migliorare la qualita’ della vita dei cittadini, siano essi giovani o anziani. Aumentare a dismisura i costi di concessione degli impianti sportivi comunali avra’ il solo fine di cancellare ulteriori associazioni sportive dilettantistiche dalla realta’ locale e non certo sanare i bilanci comunali, data l’esiguita’ dei possibili ricavi. . Condividendo le preoccupazioni delle organizzazioni sportive, ma anche quelle degli amministratori locali che comunque con una corta coperta devono coprire il vasto giaciglio della spesa pubblica,- conclude Liddo Schiavo- ricordo che il CONI di Siracusa, e’ sempre disponibile a ricercare soluzioni che possano creare accordi fra Amministrazioni, societa’ sportive e cittadini. Soluzioni che a nostro avviso esistono e possono sicuramente essere messe in pratica” .

Dopo l’ incontro con l’ assessore Buccheri, il delegato territoriale del Coni è pronto ad organizzare una sorta di tavola rotonda per risolvere i problemi dello sport locale. Peraltro, a breve si svolgeranno, sotto l’ egida del Coni, gli Stati generali dello sport con la partecipazione di enti e associazioni.

Commenti

commenti

Lascia un Commento