Domani a Palermo manifestazione delle sale gioco, difendono 5000 posti di lavoro

Palermo – Arriveranno domani nel capoluogo siciliano da tutta l’isola. Sono titolari e dipendenti della sale gioco, che rischiamo la chiusura definitiva a causa dello stop imposto dal Coronavirus.


Queste aziende, infatti, sono le uniche che non hanno avuto accesso alla graduale riapertura programmata dalla “fase 2” e non hanno ancora alcuna prospettiva di ritornare in attività. Al momento, in Sicilia, occupano circa 5.000 addetti, ma è un numero che rischia di crollare verticalmente se continua l’attuale periodo di stallo.
“Il nostro gioco è legale – dice un documento delle agenzie Siciliane – paghiamo le tasse e le facciamo pagare a chi gioca. Senza di noi sta proliferano il gioco on line, per lo più in mano alla malavita”.

Commenti

commenti

Lascia un Commento