CONSULTA CIVICA: SIRACUSA TURISTICA? BISOGNA MIGLIORARE SERVIZI ED ACCOGLIENZA

L’accoglienza punto di forza della gente siracusana, ma di debolezza in termini di organizzazione della città. E’, ancora una volta, il presidente della Consulta Civica di Siracusa, Damiano De Simone, ad invitare l’amministrazione comunale a prendere spunto dalle segnalazioni dei cittadini, per migliorare le “Welcome politics”, che poco hanno a che vedere con la tecnologia o la distribuzione di materiale promozionale. Bisogna agire su quelli che possono apparire come piccoli problemi, prima di passare alla propaganda. Qualche esempio? Stando a diverse persone- spiega De Simone-, spesso, la gestione dello scarico e carico merci indisciplinata nell’isolotto di Ortigia crea intralci non solo ai veicoli in transito, ma anche al passaggio pedonale dei gruppi di turisti. Inoltre, la presenza “ingombrante” di parcheggiatori abusivi ad ogni angolo del perimetro del centro storico, anche sugli stalli di sosta blu, quindi già di loro a pagamento, suscita fastidio nei visitatori, che si vedono quasi costretti al doppio “obolo, ” se non al terzo finanche al quarto se pensiamo pure ai rom che gironzolano attorno al Duomo. Bisognerebbe, altresì, mettendo in mora l’Ast, meglio pubblicizzare orari e tratte di percorrenza dei bus navetta ed anche dei pullman ordinari che collegano alle altre aree del capoluogo, dove sono presenti siti di attrazione considerati di minore importanza. E’ indispensabile indicare- continua De Simone- in maniera evidente la presenza dei bagni pubblici e ove possibile crearne altri, in modo da non far prendere d’assalto i bar, che offrono il servizio e spesso non ci guadagnano nemmeno la consumazione di un caffè. Basta poco per rendere più comoda ed agevole la presenza dei visitatori e ricevo con piacere le richieste quotidiane di chi vive in prima persona i problemi e suggerisce anche le soluzioni, seguendo in maniera spontanea le direttrici per l’attuazione di un patto civico che conduca all’ottimizzazione e allo sviluppo del territorio”- conclude De Simone-.

Commenti

commenti

Lascia un Commento