Museo Leonardo da Vinci e Archimede: conferenza stampa giovedì alle 11 Viaggio indietro nel tempo alla scoperta dell’Ex Convento del Ritiro Nuovo comitato scientifico e sale intitolate a Carmela Montalto e Carlo Pedretti

Uno studio approfondito, a cura dello storico Gastone Saletnich, sull’Ex Convento del Ritiro, che oggi ospita il Museo Leonardo da Vinci e Archimede di Siracusa, e su Carmela Montalto, anzi suor Carmela della SS. Trinità, alla quale si deve la fondazione del settecentesco edificio.

E’ soltanto una delle tante novità che saranno svelate dopodomani, giovedì 5 aprile alle 11, nelle sale del Museo Leonardo da Vinci e Archimede di via Mirabella 31, in Ortigia, in occasione della conferenza stampa organizzata per presentare il nuovo comitato scientifico della struttura museale.

All’appuntamento parteciperanno: Francesco Italia, assessore comunale alle Politiche culturali e i componenti del comitato scientifico composto da: Maria Gabriella Capizzi che è anche la responsabile del Museo Leonardo da Vinci e Archimede; Prospero Dente, giornalista e documentarista; Angelo Aloi, dottore commercialista; Fabio Rodante, avvocato; Stefano Romita, giornalista e scrittore; Gastone Saletnich, dottore in Storia medievale e archivista; Giuseppe Rosano, presidente Noi albergatori Siracusa; Giovanna Lazzi, già direttrice della Biblioteca Riccardiana di Firenze e Sara Taglialagamba della Fondazione Carlo Pedretti. Del comitato scientifico del Museo Leonardo da Vinci e Archimede di Siracusa fanno parte anche Andrea Del Carria, storico dell’arte, e Concetto Scandurra, consigliere della Fondazione Unesco-Sicilia.

In occasione della conferenza stampa si terrà anche la cerimonia di intitolazione di due sale del museo: una a Carmela Montalto, ostinata e “illuminata” donna alla quale si deve la fondazione dell’Ex Convento del Ritiro, e l’altra al prof. Carlo Pedretti, scomparso tre mesi fa e considerato il massimo esperto di Leonardo da Vinci. Saranno inoltre consegnate una targa a Francesco Italia, assessore comunale alle Politiche culturali e un’altra a Sara Taglialagamba della Fondazione Carlo Pedretti.

Commenti

commenti

Lascia un Commento